Mostra mercato del tartufo modenese

Torna nella suggestiva cornice del territorio di Montefiorino la Mostra Mercato del Tartufo Modenese, la manifestazione che esplora a 360 gradi “l’universo del Tartufo”. Giunta nel 2013 alla 22ª edizione, la festa che richiama numerosi visitatori provenienti in larga parte dalle province limitrofe dell’Emilia e della Toscana animerà le piazze centrali e le vie del paese con eventi, specialità a base di tartufo, mostre, visite guidate, degustazioni, concorsi, occasioni di intrattenimento e spettacoli vari. La manifestazione celebra il famoso e prelibato tubero che per le sue pregiate caratteristiche è da sempre considerato il re della tavola. La zona di produzione e confezionamento del Tartufo Valli Dolo e Dragone è rappresentata esclusivamente dal territorio dei comuni Frassinoro, Montefiorino, Palagano e Prignano (provincia di Modena), corrispondente alle valli solcate dai due torrenti che danno loro il nome. Per garantire il consumatore nell’acquisto di questo eccellente prodotto è nato il Marchio Collettivo Tradizioni e Sapori di Modena. L’adesione al marchio comporto per i raccoglitori il rispetto di un disciplinare che delimita l’area di produzione, le specie raccolte, le caratteristiche del tubero, e prevede l’intervento post-raccolta con prodotti chimici. Aderiscono all’iniziativa il Consorzio del Tartufo di Romanoro, che opera nella zona da diversi anni, ed aziende agricole singole. Da segnalare che l’organizzazione dal 2011 è passata dopo molti anni direttamente in mano al Comune di Montefiorino (prima era della Comunità Montana poi dell’Unione di Comuni Montani Valli Dolo, Dragone e Secchia) ed è l’unica manifestazione dedicata al Tartufo nella Provincia di Modena.

Ma cosè il tartufo?

Il tartufo è un fungo che vive sottoterra, a forma di tubero costituito da una massa carnosa detta “gleba”, rivestita da una sorta di corteccia chiamata “peridio”. E’ costituito in alta percentuale da acqua e da sali minerali assorbiti dal terreno tramite le radici dell’albero con cui vive in simbiosi. Nasce infatti e si sviluppa vicino alle radici di alberi, in particolare pioppi, noccioli, querce e salici, diventando dopo la formazione un vero e proprio parassita. Le caratteristiche di colorazione, sapore e profumo dei tartufi sono determinate dal tipo di alberi presso i quali essi si sviluppano. I tartufi che crescono nei pressi della quercia, ad esempio, avranno un profumo più pregnante, mentre quelli in prossimità dei tigli saranno più chiari ed aromatici. La forma dipende invece dal tipo di terreno: se soffice, il tartufo si presenterà più liscio, se compatto, diventerà nodoso e bitorzoluto per la difficoltà di farsi spazio. In genere la maturazione avviene nel periodo autunnale, ma esistono anche specie primaverili, estive ed invernali.

Il tartufo delle Valli Dolo e Dragone

Il tartufo che nasce nelle Valli del Dolo e del Dragone si fregia del marchio di tutela “Tartufo Valli Dolo e Dragone”, realizzato dalla Camera di Commercio di Modena in collaborazione con il GAL, la Comunità Montana dell’Appennino Modena Ovest ed i Comuni di Frassinoro, Montefiorino, Palagano e Prignano. Il Tartufo Valli Dolo e Dragone è particolarmente pregiato proprio per sapore e profumo che ne fanno un prodotto di alta qualità.

La mostra mercato del tartufo Modenese è in programma dal 26 al 27 ottobre e dal 1 al 3 novembre 2013

Vi preghiamo di controllare aggiornamenti sull’evento sul sito dell’ente organizzatore.

Italia

Scrivi un commento


  • RSS Emilia Romagna Turismo

  • RSS Emilia by Food

    • Le bovine del Parmigiano Reggiano
      Recentemente nei nostri viaggi abbiamo incontrato le protagoniste di ottimo Parmigiano Reggiano. E’ quindi una buona occasione per presentarvi … le  Rosse e le Brune ! Come sappiamo il disciplinare del Parmigiano Reggiano è rigidissimo e garantisce, fin dall’inizio, un formaggio di alta qualità. Questo formaggio ha la sua base di partenza in un latte sano e
  • RSS Bere il Vino

    • Un evento per il centenario di Livio Felluga
      Il primo settembre 2014 Livio Felluga compirà cent’anni. Un uomo che incarna storia, tradizioni e valori di un mestiere antico in una regione, il Friuli Venezia Giulia, affacciata sull’estremo nord est dell’Adriatico, il punto di contatto fra il Mediterraneo e l’Europa Centrale, oggi famosa per la produzione di alcuni fra i migliori vini bianchi del mondo. P